Quando:
17 febbraio 2019 giorno intero
2019-02-17T00:00:00+01:00
2019-02-18T00:00:00+01:00

Torna al Calendario

17 FEBBRAIO

Ss. Sette Fondatori dell’Ordine dei Servi

17 febbraio 1205

I canonici Regolari del Santo Sepolcro a Gerusalemme in Palestina, appoggiati dal Re Amalrico di Lusignano, eleggono loro patriarca Sant’Alberto, vescovo di Vercelli. Il Pontefice Innocenzo III ratificò la nomina pregando poi Sant’Alberto di accettare l’elezione «licet… valde nobis necessarius sis in partibus Lombardiæ, utpote cui secure in arduis etiam nogotiis committimus vices nostra». Lo stesso anno il Pontefice annuncia ai prelati di Terra Santa che avrebbe mandato loro «virum approbatum, circumspectum et providum», come suo legato per la Provincia ecclesiastica di Gerusalemme. Sul finire dell’anno Sant’Alberto dopo aver ottenuto dal pontefice varie facoltà e il pallio, giunse in Palestina all’inizio del 1206, ma, non potendo entrare a Gerusalemme occupata dai Saraceni, fissa la sua sede a San Giovanni d’Acri.

17 febbraio 1585

A Málaga in Spagna, Giovanni della Croce, Vicario Provinciale dell’Andalusia, fonda il Monastero delle nostre monache sotto il titolo dei Ss. Giuseppe e Pietro. Giovanni si diresse verso Málaga accompagnato dalle monache fondatrici all’inizio del 1585 giungono in città verso la metà di febbraio. Lascia come priora della nuova fondazione Maria di Cristo (Aguila), professa di José di Avila, e come sottopriora Maria di Gesù (Godínez y Sandoval), professa di Beas. Ritornerà a Málaga dopo il Capitolo di Madrid del maggio 1585, in seguito alla disgrazia di Caterina Evangelista che morì gettandosi da una finestra.

17 febbraio 1592

Jerónimo della Madre di Dio (Gracián), viene espulso dall’Ordine. Sostenne la dolorosa prova come un santo. Parte per Roma «accederet ad pedes Pontificis» per discolparsi dalle infamanti accuse ed essere ammesso in un altro Ordine religioso. Il Definitorio Generale, nella sessione 47 del 15 dicembre 1999, seguendo l’esempio del Santo Padre durante l’anno del Giubileo, stimò giusto emanare una dichiarazione ufficiale di Revoca della sentenza di espulsione dall’Ordine pronunciata contro Jerónimo Gracián, figlio e discepolo prediletto della Madre Teresa di Gesù, come gesto ufficiale di riabilitazione e di riparazione per l’ingiustizia di cui fu vittima.

17 febbraio 1908

Daniele Mora Nine, nasce a Pontevedra, in Spagna, il 17 febbraio 1908, battezzato il mese seguente, fu Cresimato nel 1915. Entrò in gioventù nella banda del Reggimento di Saragozza, con guarnigione a Santiago de Compostela. Aiutato dal cappellano del reggimento, si preparò ad entrare in convento. Con una ottima documentazione, arrivò al convento di Segovia nel gennaio 1931. Fece il suo primo anno di noviziato a Medina del Campo col nome di Fra Daniele della Sacra Passione; il secondo anno a Segovia, professato nell’ottobre del 1933, come fratello donato. Lasciò il Convento di San Juan de la Cruz “padre molto amato” e partì per Toledo nel 1934 dove esercitò l’ufficio di portinaio del convento. Martirizzato a Toledo il 31 luglio 1936, insieme ad altri sei membri della comunità. Fu Beatificato a Roma il 28 febbraio 2007 insieme a 497 martiri della persecuzione religiosa spagnola.

17 febbraio 1910

Al fonte battesimale della Cattedrale di Reggio Emilia Mario Prandi (fondatore della Congregazione Mariana delle Case della Carità), viene incorporato a Cristo col Sacramento del Battesimo dal Canonico Anselmo Pioppi, quantunque la sua Parrocchia natale è Santa Teresa di Gesù. Padrini Furono due amici di famiglia Paolo Fontanesi e Ida Fontanesi.

Pin It on Pinterest