Quando:
28 marzo 2019 giorno intero
2019-03-28T00:00:00+01:00
2019-03-29T00:00:00+01:00

Torna al Calendario

28 MARZO

28 marzo 1515

A Gottarrendura presso Avila, città della Castiglia, in Spagna, alle ore cinque e trenta del mattino di mercoledì, nasce Teresa de Cepeda y Ahumada. Figlia di don Alonso Sánchez de Cepeda (1480?-1543) e di donna Beatrice Dávila de Ahumada (1495?-1529?) che si erano uniti in matrimonio nel 1509, dopo la morte nel 1507, della prima moglie, Caterina del Peso y Henao. Teresa è la terza dei dieci figli avuti in seconde nozze del padre da cui nacquero: Ferdinando de Ahumada (n. 1510), Rodrigo de Cepeda (n. 28-03-1513, data incerta), Teresa de Cepeda y Ahumada (28-03-1515), Giovanni de Ahumada (forse n. 1517), Lorenzo de Cepeda (n. 1519), Antonio de Ahumada (n. 1520), Pietro de Ahumada (n. 1521), Girolamo de Cepeda (n. 1522), Agostino de Ahumada (n.1527) e Giovanna de Ahumada (n. 1528). Dal primo matrimonio di don Alonso nacquero: Maria de Cepeda (febbraio-marzo 1506) e Giovanni Sánchez de Cepeda (1507). «L’aver dei genitori virtuosi timorati di Dio, abbinato ai favori di cui Egli mi circondava, sarebbe certo dovuto bastarmi per crescere buona (…) Mio padre era appassionato alla lettura di buoni libri e ne teneva pure di quelli scritti in lingua nazionale, perché potessero leggerli anche ai suoi figli. Mia madre si premurava poi di farci pregare e di suscitare in noi la devozione alla Madonna e ad alcuni santi in particolare. Ora, tutto questo incominciò a destare precocemente la mia intelligenza che si aprì – ritengo – già verso i sei o sette anni. Mi aiutava molto il fatto di non scorgere nei miei genitori altra propensione se non quella verso la virtù. E di virtù ne avevano molte» (Vita 1).

28 marzo 1646

A Langres in Francia fondazione del Convento dei nostri padri sotto il titolo di Sant’Egidio. Fondatore Serafino di Gesù Maria.

28 marzo 1649

Nella città di Courtrai in Belgio, Domenica delle Palme, fondazione del Monastero delle nostre monache sotto il titolo dei Ss. Giuseppe e Teresa. Margherita de Tollenaere, madre di due carmelitane del Monastero di Tournai, dopo 20 anni di contrarietà da parte della sua famiglia, dei Superiori dell’Ordine che volevano la fondazione in un’altra città e delle autorità municipali, grazie all’intervento dei Granduca d’Austria, Leopoldo Guglielmo, ottiene di poter coronare il suo sogno. Le fondatrici furono: Chiara di Gesù (Cornhuyse) come vicaria, Dorotea della Trinità (figlia maggiore della signora de Tollenaere), Maria di San Giuseppe (Ganthois) e Amata di Gesù (Verbier). La prima priora eletta fu Dorotea della Trinità. Alla fondazione era presente il Padre Provinciale, Giovanni della Madre di Dio (Rivera). Il 2 febbraio 1797, sotto la Rivoluzione Francese, le monache furono espulse e il Monastero soppresso e venduto. Alcune monache si rifugiarono nella casa del cappellano della chiesa di Nostra Signora di Courtrai e lì attesero tempi migliori.

28 marzo 1944

Il Servo di Dio Giacomo di Gesù (Luigi Bunel) detenuto nel carcere di Compiègne in Francia, è deportato insieme ad altri 50 prigionieri, tra cui molti comunisti. A mezzogiorno due carri vigilati militarmente li prelevarono e si diressero a Parigi fino alla stazione Est, sempre incatenati e trattati odiosamente. Alle 19,30 il treno lascia Parigi. Il suo gesto coraggioso, sottrarre alla deportazione dei ragazzi ebrei, e l’abnegazione evangelica sono all’origine di quello che si può chiamare un vero calvario.

28 marzo 1965

Nel celebrare il 450° anniversario della nascita di Santa Teresa di Gesù, fu presentato il libro della Santa Madre (restaurato a Roma dall’Istituto “Alfonso Gallo”) Cammino di Perfezione ed il facsimile dell’autografo che si conserva nel monastero delle Carmelitane Scalze di Valladolid. La presentazione dell’autografo e del facsimile ebbe luogo nell’aula magna del Teresianum. Furono presenti i Cardinali Cicognani (Segretario di Stato del Vaticano), Cento (Protettore dell’Ordine) e Larraona (Prefetto della Congregazione per i Riti), inoltre l’Ambasciatore di Spagna presso la Repubblica Italiana e numerosi Superiori Generali di Ordini religiosi: Carmelitani, Domenicano, Agostiniano, ecc. Il manoscritto di Santa Teresa di Gesù Cammino di Perfezione fu portato in solenne processione attraverso il chiostro del Teresianum e posto al centro dell’Aula Magna della Pontificia Facoltà Teologica di Spiritualità. Il restauro dell’autografo ed il suo facsimile furono presentati da P. Finiano, Rettore del Teresianum, da P. Anastasio Ballestrero, Preposito Generale dell’Ordine e da P. Tommaso Álvarez, Decano della Facoltà, a cui spettò il compito di pronunciare la conferenza ufficiale sulle opere della Santa Madre. Dopo i sentiti ringraziamenti da parte del Preposito Generale verso tutti i partecipanti, l’incontro si concluse con l’esecuzione di alcuni canti a cura degli studenti carmelitani del Teresianum. Il giorno dopo, 29 marzo, il facsimile fu presentato al Papa Paolo VI. L’udienza dei PP. Carmelitani con il Sommo Pontefice durò circa 20 minuti. Furono presenti il Preposito Generale, il Rettore del Teresianum, il Decano ed altri religiosi. Fu donato al Papa il primo libro dell’edizione facsimile del Cammino di Perfezione. Il Santo Padre volle informarsi sullo stato dell’Ordine, sulla vita di orazione, ecc. e chiese che si pregasse per il buon esito del Concilio Vaticano II. Elogiò l’opera che gli era stata presentata e chiese la protezione di Santa Teresa, e ringraziò l’Ordine per il dono.

Pin It on Pinterest