Quando:
24 Dicembre 2018 giorno intero
2018-12-24T00:00:00+01:00
2018-12-25T00:00:00+01:00

Torna al Calendario

24 DICEMBRE

24 dicembre 1543

Ad Avila, in Spagna, muore Don Alonso Sánchez de Cepeda padre di Teresa de Ahumada (Santa Teresa di Gesù). Figlio di Juan Sánchez di Toledo e Donna Inés de Cepeda. Il padre (nonno di Teresa) ricco commerciante di tessuti, fu processato dall’Inquisizione con l’accusa di essere tornato alla religione dei padri, l’ebraismo. Per questo motivo, all’inizio del 1500, si trasferì con tutta la famiglia ad Avila. Qui, il papà di Teresa, si sposò (1505) una prima volta con Catalina del Peso y Henao da cui ebbe Maria de Cepeda (febbraio-marzo 1506) e Giovanni Sánchez de Cepeda (1507). Passò a seconde nozze (1509) con Beatrice Dávila de Ahumada (1495?-1529?) da cui nacquero: Ferdinando de Ahumada (1510); Rodrigo de Cepeda (28-03-1513, data incerta); Teresa de Cepeda y Ahumada (28 marzo 1515); Giovanni de Ahumada (forse nel 1517); Lorenzo de Cepeda (n. 1519), Antonio de Ahumada (n. 1520), Pietro de Ahumada (n. 1521), Girolamo de Cepeda (n. 1522), Agostino de Ahumada (n.1527) e Giovanna de Ahumada (n. 1528). La morte del papà segnò profondamente l’animo di Teresa. «Mi sembrava che mi si spezzasse l’anima vedendolo al termine della sua vita, perché lo amavo molto» (Vita 7,17). Fu sepolto nella chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista di Avila.

24 dicembre 1577

A San José di Avila in Spagna, Teresa di Gesù andando in coro cade sulla scala e si frattura il braccio sinistro. «I dolori erano lancinanti – racconta Anna di San Bartolomeo -. Tutte erano afflitte. Io di più, perché le volevo molto bene e condividevo il suo lavoro e le sue pene». Come infermiera Anna di San Bartolomeo, dovette curare l’infortunata. Il braccio non guarì perfettamente e impedì la Madre Teresa per il resto della vita di vestirsi da sola e compiere altri lavori.

24 dicembre 1628

Nella città di Moulins in Francia fondazione del Monastero delle nostre monache sotto il titolo della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo. La nobile signora Du Lac, vedova di Du Buysson – che aveva due figlie carmelitane a Riom e anche lei lo sarà molto più tardi – mise a disposizione una grossa rendita per fondare un Carmelo a Clermont-Ferrand-Ferrand. Madre Maria di San Francesco (Doson), che aveva partecipato alla fondazione di Lione, prese dal Monastero di Riom con quattro professe: Maria della Croce (figlia maggiore della Signora Du Buysson), Maria dello Spirito Santo, Gabriella dell’Incarnazione e Teresa di San Francesco (seconda figlia della Signora Du Buysson). Dopo sette mesi di peregrinazioni da una casa all’altra il Carmelo si installò a Moulins in via de Bapaume. Durante la Rivoluzione Francese la comunità, composta da diciotto monache, fu espulsa dal suo convento il 17 settembre 1792. Le maggior parte delle monache si dispersero in due gruppi in città, vivendo clandestinamente per quanto era loro possibile la vita regolare attendendo pazientemente che passasse la tormenta rivoluzionaria.

24 dicembre 1635

Pietro Berthelot, nell’oratorio del primo Convento Carmelitano a Goa, alla presenza di tutta la comunità verso le quattro del pomeriggio, riceve l’abito del Carmelo col nome di Dionisio della Natività.

Pin It on Pinterest